TEATRO | Aspettando Godot

Venerdì 9 novembre 2018

Inizio dello spettacolo: ore 21:00

Costo dei biglietti: 10,00 € per gli adulti, 8,00 € per i ragazzi sino ai 14 anni e over 65 anni

aspettando-godot 01

di Samuel Beckett

VLADIMIRO: Allora andiamo?
ESTREGONE: Andiamo.
Non si muovono.

Due mendicanti, Vladimiro ed Estragone, aspettano in aperta campagna un certo Godot, dal quale sperano ottenere una vaga sistemazione. I due non solo non hanno mai visto Godot, ma non sono sicuri né del luogo né del giorno dell'appuntamento. Dopo una lunga attesa arriva Pozzo, un ricco proprietario terriero che porta al guinzaglio il suo servitore Lucky. Pozzo si intrattiene per qualche tempo con i due mendicanti e riparte.
L'attesa continua fino all'arrivo di un ragazzo con un messaggio di Godot: Godot non verrà più stasera, ma certamente domani. Vladimiro ed Estragone ricominciano ad aspettare.
Il secondo atto è quasi identico al primo: l'attesa, l'arrivo di Pozzo e Lucky, l'uno cieco e l'altro stremato, il messaggio del ragazzo: Godot non verrà più stasera ma certamente domani. Il sipario cala su Vladimiro ed Estragone che, immobili, attendono ancora.

aspettando-godot 02Caposaldo del teatro del ‘900, Aspettando Godot, ha dato adito a innumerevoli interpretazioni ma anche a non pochi fraintendimenti. Molti ritengono che Godot sia un personaggio allegorico il cui nome alluderebbe a God (Dio). Per altri Godot deriverebbe dalla fusione di God e Charlot, in quanto Beckett era appassionato delle comiche di Charlie Chaplin. Ma il tentativo di intravvedere in Godot un simbolo, sia esso Dio, il destino, la morte o la felicità, è fuorviante. Sapere chi è Godot è relativo, lo stesso autore rivelò “se avessi saputo chi è Godot l’avrei scritto nel copione”. In realtà, il cuore del capolavoro di Beckett è l’attesa: l’attesa di Vladimiro ed Estragone è l’Attesa con la A maiuscola, la sintesi di tutte le attese possibili e i due mendicanti incarnano la condizione dell’uomo moderno, che sebbene sia ormai privo di punti di riferimento, non per questo si stanca di aspettare il disvelarsi di un Senso, qualsiasi esso sia.
Aspettando Godot è inoltre accompagnato dalla fama di essere un testo cerebrale, complicato, assurdo, che costringe il pubblico ad una partecipazione intellettuale. Non è affatto così. Aspettando Godot è una magnifica e godibilissima commedia – o meglio una tragicommedia – costruita con tempi comici perfetti: Vladimiro ed Estragone sono due clown che conquistano il cuore e la mente del pubblico con un umorismo irresistibile.
L’entrata di Pozzo e Lucky non fa che accrescere il meccanismo comico della situazione, tanto che allo spettatore può spesso sembrare di assistere, più che a delle scene del cosiddetto teatro dell’assurdo, a delle gag di Charlot. Il traguardo di Beckett è, a differenza di Charlie Chaplin, metafisico, ma l’urto comico è lo stesso.

Aspettando Godot sonda in profondità i problemi esistenziali che attanagliano l’uomo contemporaneo, ma il testo è il contrario della pesantezza: è leggero, delicato, spiritoso, arguto. Certo qualche volta è allarmante nel toccare aspetti angoscianti della modernità come l’incomunicabilità, la solitudine, la noia, il dolore di vivere, l’assenza di qualsiasi punto di riferimento. Ma tutto è permeato da un tocco di leggerezza e umorismo irresistibile. Ed è proprio attraverso le risate che Beckett conquista il pubblico di Aspettando Godot, provocando ognuno di noi con la domanda che percorre lo spettacolo: “Siamo tutti in attesa, sempre proiettati in avanti ma al tempo stesso immobilizzati?”

 

Christian Poggioni - regista, interprete e produttore dello spettacolo

Viene ammesso da Giorgio Strehler alla Scuola del Piccolo Teatro di Milano, dove si diploma in recitazione. Si laurea con 110 e lode presso l’Università Statale di Milano e frequenta con il massimo dei voti un master in regia presso la University of Southern California di Los Angeles. Recita in spettacoli diretti da registi quali Giorgio Strehler, Peter Stein, Massimo Castri, Antonio Calenda, prendendo parte a tournée nazionali ed europee.
Parallelamente recita in diverse produzioni televisive, cinematografiche e radiofoniche per Mediaset, RAI e Radio Svizzera Italiana. Scrive, dirige e interpreta gli spettacoli Tradimenti (2007), Nostos (2008), Alla ricerca del tempo perduto (2010), Alla corte di un giullare (2011). È inoltre regista ed interprete degli spettacoli Il vangelo secondo Pilato e La notte degli ulivi di Érich-Emmanuel Schmitt (2012), Apologia di Socrate di Platone (2013), Aspettando Godot di Samuel Beckett (2017). È stato assistente alla regia presso la Kaye Playhouse di New York. Dal 2011 è attore residente presso il Teatro Comunale San Teodoro di Cantù.

 

con Christian Poggioni, Lorenzo Lutteri, Emanuele Fortunati, Ermelinda Çacalli

scenografie e costumi: Dino Serra

 

LINK:

 

PRENOTAZIONE ON-LINE

logo-app-prenotazioni 1

Prenota il Tuo posto on-line, al SOLO COSTO di 0,50 €, cliccando qui o sul PULSANTE AZZURRO che trovi in tutte le pagine.
La prenotazione si annulla automaticamente 10 minuti prima dell'inizio evento, per garantirTi il tuo posto prenotato presentaTi almeno 20 minuti prima dell'inizio dell'evento con la Tua prenotazione (login o codice di prenotazione). La prenotazione viene sempre effettuata con biglietto INTERO (oltre al costo di 0,50 € per la prenotazione), gli aventi diritto, in base alla tipologia di spettacolo, possono darne segnalazione in cassa prima dell'emissione del biglietto così da ottenere un RIDOTTO (oltre al costo di 0,50 € per la prenotazione)

Oltre ad aver rinnovato la grafica, Ti permettiamo di prenotare tramite l'applicazione!

Clicca qui per maggiori info riguardo l'applicazione!

Parrocchia S. VIttore Martire C.F. 91002770138

Privacy Policy

P. IVA 03485080133

Questo sito utilizza i cookie per migliorarne l'esplorazione. Inoltre, contiene servizi forniti da terze parti come Facebook, Twitter, Linkedin, YouTube, Google e utilizza "Analytics", un servizio di analisi statistica fornito da Google. I cookie utilizzati da questi servizi non sono controllati da questo sito, invitiamo quindi gli utenti a verificare le informazioni relative a tali cookie direttamente dal sito di tali soggetti terzi. Cliccando su OK e/o proseguendo nella navigazione l’utente acconsente all’utilizzo di tali tecnologie per la raccolta e l’elaborazione di informazioni in conformità con i termini di uso dei cookies. Per offrire ai visitatori dei siti web la possibilità di impedire l utilizzo dei propri dati da parte di Google Analytics, Google ha sviluppato un componente aggiuntivo per la disattivazione.

Privacy Policy