FAMIGLIE A TEATRO | Il viaggio di Giovannino

domenica 24 novembre 2019

Inizio dello spettacolo: ore 16:30

Costo dei biglietti: 7,00 € per gli adulti, 5,00 € per i ragazzi sino ai 14 anni

il-viaggio-di-giovannino 1

liberamente tratto da: "Le avventure dui Giovannino Perdigiorno" di Gianni Rodari

La trama

“Giovannino Perdigiorno è un grande viaggiatore, viaggia in automobile, in moto, in monopattino, a piedi, in aeroplano, viaggia in dirigibile, col carrettino a mano, con il treno diretto e con l’accelerato, ma un paese perfetto non l’ha ancora trovato...”
Giovannino cerca un paese perfetto dove gli errori non esistono e viaggia, attraversando paesi fantastici, incontrando persone di razze diverse, che hanno nasi a forma di pipa o che rimbalzano come palle di gomma che vivono nei frigoriferi o in case di cioccolata. Ogni volta impara qualcosa e capisce che l’esperienza del viaggio è più importante di qualsiasi perfezione, perché ti fa crescere. Impara che nel viaggio tutto è compreso, anche l’errore, e quando si sbaglia è un po’ come cadere… tuttavia un buon viaggiatore trova sempre la forza di rialzarsi e proseguire nel suo cammino.
Il viaggio di Giovannino è uno spettacolo poetico e divertente, che tratta due temi, il viaggio come esperienza di vita, e l’incontro, visto come apertura alle razze e alle culture diverse. Pensato per i piccoli spettatori, alle prese con il loro primo vero viaggio fuori dalle mura domestiche, la scuola, dove attraversano esperienze importanti per la loro crescita, prima fra tutte la relazione con i propri simili.

il-viaggio-di-giovannino 2

Il bambino viene accompagnato dall’attore nelle filastrocche di Rodari, dove tutto viene trattato con estrema fantasia, ed è proprio quest’ultima il veicolo principale di relazione nel mondo infantile.
Fonti utilizzate Oltre a “I viaggi di Giovannino Perdigiorno” di Gianni Rodari abbiamo utilizzato musiche di autori diversi percorrendo un viaggio tra i generi musicali, che vanno dal jazz di Trovesi, passando per la musica country, fino alle bande circensi.
Le tecniche e i linguaggi sono: la narrazione in quanto modalità di racconto riconosciuta dal bambino, la pantomima come linguaggio universale del corpo, primo veicolo di gioco del bambino e la clownerie che si ispira al mondo infantile.

ideato, scritto e diretto da Adrea Ruberti e Alessandro Larocca

con Andrea Ruberti

Classe, 1964. Dopo aver frequentato la scuola di teatro milanese Quelli di Grock dal 1988 al 1990, ho cominciato il mio percorso attoriale nell’omonima compagnia lavorando in qualità di mimo/attore in tutte le produzioni fino al 2011.
Dal 1999 al 2003, ho incontrato la danza contemporanea, esperienza fondamentale per la mia crescita artistica, lavorando nella compagnia slovena EN-KNAP di Ljubljana insieme alla coreografa e danzatrice Maja Delack.
Oggi, produco spettacoli come solista, collaboro con diverse compagnie teatrali, e insegno mimo (tecnica Decroux) e clownerie con la volontà di passare la propria esperienza e passione a chi vuole approcciarsi all’arte del silenzio.

Dicono de … Il viaggio di Giovannino

I Fratelli Caproni, cioè Andrea Ruberti e Alessandro Larocca, questa volta si dividono, (ma non preoccupatevi solo in scena, perchè la bella nuova creazione è concepita da tutti e due) per raccontare ai bambini “Il Viaggio di Giovannino" uno spettacolo tratto da “Le avventure di Giovannino Perdigiorno” di Gianni Rodari. Le 15 filastrocche del grande “maestro” scritte nel 1973 consentono al bravissimo Andrea Ruberti di combattere contro il tempo (da manuale la scena che apre lo spettacolo, un vero portento di tecnica e raffinatezza mimica che vede l'attore in lotta con l'incombente presenza sonora del tempo che passa) nella ricerca di un paese perfetto. Per far questo attraversa luoghi fantastici rimanendo chiuso persino in un gelido frigorifero. Non sono luoghi perfetti, quelli che Giovannino attraversa, ma nella loro imperfezione rappresentano il mondo in tutta la sua diversità e manchevolezza, ma, appunto per questo, il nostro protagonista ogni volta arricchisce la sua esperienza di cose nuove e irripetibili, imparando ciò che non si deve fare e ciò che si deve fare per non più sbagliare. E anche quando finalmente arriva nel paese dove tutto è perfetto, è assolutamente consapevole che è un mondo noioso dove si impara assai poco. A volte poi Giovannino si ferma e guarda il cielo pieno di stelle, sta incantato a guardarle, perchè è giusto muoversi per viaggiare, ma è anche giusto gustare il tempo assaporando la vita piano piano, non ingurgitarla in un boccone solo. Armato di un carrettino pieno di valigie Andrea Ruberti a suon di rime accompagna i bambini in paesi dove gli uomini sono fatti di fumo, zucchero, di sapone, di burro, di ghiaccio, di vetro, di carta o di tabacco, il pianeta di cioccolato, quello fatto di nuvole, quello malinconico e quello dove comanda il vento, quello dove.... E così Andrea Ruberti e Alessandro Larocca in questo modo compongono uno stralunato omaggio a Rodari tra narrazione e clownerie, proponendo in modo giocoso ai ragazzi un'immersione totale nella fantasia, dove il viaggio rappresenta una vera e propria esperienza di vita nella quale l'incontro con chi è diverso da te è visto come apertura a identità, a razze e a culture diverse. Mario Bianchi – Eolo Ragazzi

Teatro ragazzi 2016: The best of

"…La letteratura è presente in questo nostro “best of” con lo spettacolo dei Fratelli Caproni “Il viaggio di Giovannino”, cui le 15 famosissime filastrocche scritte da Gianni Rodari, evergreen di generazione in generazione, diventano l’occasione, per gli spettatori più piccoli, di muoversi a loro piacimento, guidati dal bravissimo Andrea Ruberti, sul pianeta di cioccolato, su quello fatto di nuvole e su quello in cui comanda il vento, ma anche arrivare dove vivono gli uomini fatti di fumo, zucchero e sapone… Lo spettacolo realizza così uno stralunato omaggio a Rodari tra narrazione e clownerie, proponendo in modo giocoso un’immersione totale nella fantasia, in cui il viaggio rappresenta una reale esperienza di vita, nella quale l’incontro con chi è difforme viene considerato come apertura a identità, razze e culture diverse….” Mario Bianchi – KLP teatro

 

LINK:

PRENOTAZIONE ON-LINE

logo-app-prenotazioni 1

Prenota il Tuo posto on-line, al SOLO COSTO di 0,50 €, cliccando qui o sul PULSANTE AZZURRO che trovi in tutte le pagine.
La prenotazione si annulla automaticamente 10 minuti prima dell'inizio evento, per garantirTi il tuo posto prenotato presentaTi almeno 20 minuti prima dell'inizio dell'evento con la Tua prenotazione (login o codice di prenotazione). La prenotazione viene sempre effettuata con biglietto INTERO (oltre al costo di 0,50 € per la prenotazione), gli aventi diritto, in base alla tipologia di spettacolo, possono darne segnalazione in cassa prima dell'emissione del biglietto così da ottenere un RIDOTTO (oltre al costo di 0,50 € per la prenotazione)

Oltre ad aver rinnovato la grafica, Ti permettiamo di prenotare tramite l'applicazione!

Clicca qui per maggiori info riguardo l'applicazione!

Parrocchia S. VIttore Martire C.F. 91002770138

Privacy Policy

P. IVA 03485080133

Questo sito utilizza i cookie per migliorarne l'esplorazione. Inoltre, contiene servizi forniti da terze parti come Facebook, Twitter, Linkedin, YouTube, Google e utilizza "Analytics", un servizio di analisi statistica fornito da Google. I cookie utilizzati da questi servizi non sono controllati da questo sito, invitiamo quindi gli utenti a verificare le informazioni relative a tali cookie direttamente dal sito di tali soggetti terzi. Cliccando su OK e/o proseguendo nella navigazione l’utente acconsente all’utilizzo di tali tecnologie per la raccolta e l’elaborazione di informazioni in conformità con i termini di uso dei cookies. Per offrire ai visitatori dei siti web la possibilità di impedire l utilizzo dei propri dati da parte di Google Analytics, Google ha sviluppato un componente aggiuntivo per la disattivazione.

Privacy Policy