FAMIGLIE A TEATRO | Le bambole di Caterina

domenica 15 febbraio 2015

Costo dei biglietti: 7,00 € per gli adulti, 5,00 € per i ragazzi sino ai 14 anni
Inizio dello spettacolo: ore 16:30

 le-bambole-di-caterina 0

 

TRAMAÈ risaputo: mentre noi dormiamo il mondo dei giocattoli si anima. Vuol dire che tutto quello che durante il giorno ha finto di stare immobile al servizio dei bambini (a volte maltrattato, soggetto di sfogo, vilipeso, a volte amato e coccolato) nel corso della notte prende movimento e vive autonomamente.
È il caso delle due bambole di Caterina. Ogni notte si svegliano dall'inedia del giorno e interagiscono con quanto sta loro intorno, giocando, cantando, parlando, ridendo e piangendo. Questa notte…

Questa notte è una notte particolare. Caterina dorme, come tutte le notti, e si è dimenticata che da domani non vedrà più la sua maestra, che è la maestra di sostegno, perché andrà in pensione. Ha pensato a lei con un disegno, che le vuole regalare, ma si è scordata di darglielo. Lo sanno, le due bambole, e ora pensano di correre ai ripari.
Saranno loro a intervenire nel sonno della maestra, portandole il disegno di Caterina per un addio come si deve, colorato e emozionante. Si avviano.
Ma il percorso è frammentato dalla presenza del Mannaro, che come si sa mette paura a tutti e cerca di cancellare qualunque cosa buona possa accadere. Indica strade sbagliate, il Mannaro, compare improvvisamente alle spalle, rumoreggia sinistramente, obbliga a tenzoni di cui è già vincitore. Insomma fa il lavoro del Mannaro. Che in questo caso, per esempio, prevede nientepopodimeno che il "cerchio di gesso del Caucaso".
E cioè: mentre Caterina dorme lui traccia un cerchio intorno al suo letto, e poi comincia a tirarla per un braccio con l'intento di trascinarla fuori. Le bambole possono, volendo, tentare di opporsi tirando Caterina per l'altro braccio. Insomma una brutta faccenda.
Ma le brutte faccende, se ci sono di mezzo le bambole, vanno sempre a finire bene.

Lo scopo

Aprire il mondo del fantastico come modello di realtà possibile su cui intervenire. Questo fanno i bambini quando giocano, questo fanno anche quando giocano con le bambole più ancora che con qualunque altro gioco. Ora vanno incontro giustamente al mondo virtuale, interagiscono con vicende che all'interno dello schermo di un computer assumono sempre più i connotati della realtà, avranno, col tempo, oltre che forma sempre più tridimensionale, odori, umori, tattilità. E allora perché nel frattempo non invitarli a giocare con ciò che queste caratteristiche le hanno già, semplicemente per intrinseca natura?

Insomma, accanto al computer, mettiamo anche una bambola, un pupazzo, un orso di peluche. Alla fine vorranno giocare anche con quelli. Gli assomigliano di più, sognano con loro.
Risaputo: mentre noi dormiamo il mondo dei giocattoli si anima. Vuol dire che tutto quello che durante il giorno ha finto di stare immobile al servizio dei bambini (a volte maltrattato, soggetto di sfogo, vilipeso, a volte amato e coccolato) nel corso della notte prende movimento e vive autonomamente.

 

Regia: Claudia Fontana

Interpreti: Cosetta Adducci, Claudia Fontana

Compagnia Teatrale Teatro Gruppo Popolare

Pur se sotto altra etichetta il nostro fare teatro inizia nel 1986. Da allora, girando l’Italia per teatri e piazze e scuole e palestre e biblioteche, abbiamo maturato uno specifico stile che, più che basarsi su una scuola di pensiero (Stanislavskij piuttosto che Brecht, Barba piuttosto che Brook), assomma le caratteristiche che più ritiene opportune di svariati altri stilemi interpretativi. Per questo siamo soliti dire che “non abbiamo padri”.

Nel 2002, definendo principi e poetica di riferimento, nasce il nuovo nome di Teatro Gruppo Popolare, e con il nome i componenti che tuttora vi si riconoscono.

 

LINK

Parrocchia S. VIttore Martire C.F. 91002770138

Privacy Policy

P. IVA 03485080133

Questo sito utilizza i cookie per migliorarne l'esplorazione. Inoltre, contiene servizi forniti da terze parti come Facebook, Twitter, Linkedin, YouTube, Google e utilizza "Analytics", un servizio di analisi statistica fornito da Google. I cookie utilizzati da questi servizi non sono controllati da questo sito, invitiamo quindi gli utenti a verificare le informazioni relative a tali cookie direttamente dal sito di tali soggetti terzi. Cliccando su OK e/o proseguendo nella navigazione l’utente acconsente all’utilizzo di tali tecnologie per la raccolta e l’elaborazione di informazioni in conformità con i termini di uso dei cookies. Per offrire ai visitatori dei siti web la possibilità di impedire l utilizzo dei propri dati da parte di Google Analytics, Google ha sviluppato un componente aggiuntivo per la disattivazione.

Privacy Policy